FAQ  •  Iscriviti  •  Login

Le frasi piu' belle...(libri)

<<

Heartagram

Sabbra Cadabra!

Messaggi: 1833

Iscritto il: 29th novembre 2002 16:38

Messaggio 22nd marzo 2014 00:59

Re: Le frasi piu' belle...(libri)

Squall ha scritto:J. Cortázar, "Rayuela - il gioco del mondo"



La Parigi di Rayuela http://www.pinterest.com/einaudieditore ... i-rayuela/ :kki:
<<

Squall

Avatar utente

Zio Cantante

Messaggi: 12135

Iscritto il: 27th ottobre 2004 00:53

Località: Anastasia

Messaggio 22nd marzo 2014 02:09

Re: Le frasi piu' belle...(libri)

Heartagram ha scritto:
Squall ha scritto:J. Cortázar, "Rayuela - il gioco del mondo"



La Parigi di Rayuela http://www.pinterest.com/einaudieditore ... i-rayuela/ :kki:

Rayuela: being hipster before it was cool - since 1963
It's like this endless search for the perfect balance of deconstruction and layered complexity
- Paul Masvidal
<<

Squall

Avatar utente

Zio Cantante

Messaggi: 12135

Iscritto il: 27th ottobre 2004 00:53

Località: Anastasia

Messaggio 24th marzo 2014 02:10

Re: Le frasi piu' belle...(libri)

Squall ha scritto:
Heartagram ha scritto:
Squall ha scritto:J. Cortázar, "Rayuela - il gioco del mondo"



La Parigi di Rayuela http://www.pinterest.com/einaudieditore ... i-rayuela/ :kki:

Rayuela: being hipster before it was cool - since 1963

scusate, devo ritrattare... my bad. :sisi:
It's like this endless search for the perfect balance of deconstruction and layered complexity
- Paul Masvidal
<<

Squall

Avatar utente

Zio Cantante

Messaggi: 12135

Iscritto il: 27th ottobre 2004 00:53

Località: Anastasia

Messaggio 5th aprile 2014 17:15

Re: Le frasi piu' belle...(libri)

"Così, usare il romanzo come si usa una rivoltella per difendere la pace, cambiandone il segno. Prendere dalla letteratura ciò che è ponte vivo da uomo a uomo, e che il trattato o il saggio soltanto permettono fra specialisti. Una narrativa che non sia pretesto alla trasmissione di un “messaggio” (non esistono messaggi, esistono messaggeri e questo è il messaggio, così come l’amore è colui che ama); una narrativa che agisca come coagulante di esperienze vissute, come catalizzatore di nozioni confuse e malamente intese, e che incida innanzi tutto su colui che la scrive, perciò è necessario scriverla come antiromanzo perché qualsivoglia ordine chiuso lascerà sistematicamente fuori quei segni che possono farci diventare messaggeri, avvicinarci ai nostri propri limiti dai quali siamo così lontani faccia a faccia."




tipo il manifesto della letteratura contemporanea, non a caso un passo dove saggio e narrativa si fondono in perfetta armonia.
sempre da "Rayuela".
It's like this endless search for the perfect balance of deconstruction and layered complexity
- Paul Masvidal
<<

Heartagram

Sabbra Cadabra!

Messaggi: 1833

Iscritto il: 29th novembre 2002 16:38

Messaggio 6th giugno 2014 20:52

Re: Le frasi piu' belle...(libri)

"Sono invecchiati in un altro modo. Vivono in mezzo alle cose ereditate, ai regali, ed ogni mobile per loro è un ricordo. Pendole, medaglie, ritratti, conchiglie, fermacarte, paraventi, scialli. Hanno armadi pieni di bottiglie, di stoffe, di vecchi vestiti, di giornali, hanno conservato tutto. Il passato è un lusso da proprietari.
Ed io dove potrei conservare il mio? Non ci si può mettere il passato in tasca; bisogna avere una casa per sistemarvelo. lo non possiedo che il mio corpo; un uomo completamente solo, col suo corpo soltanto, non può fermare i ricordi, gli passano attraverso. Non dovrei lagnarmi: il mio solo desiderio è stato d'esser libero."

Jean-Paul Sartre, La Nausea
<<

phobiA

Avatar utente

Ho la febbra

Messaggi: 1546

Iscritto il: 14th luglio 2003 13:01

Messaggio 6th giugno 2014 21:57

Re: Le frasi piu' belle...(libri)

E mentre meditavo sull'antico mondo sconosciuto, pensai allo stupore di Gatsby la prima volta che individuò la luce verde all'estremità del molo di Daisy. Aveva fatto molta strada per giungere a questo prato azzurro e il suo sogno doveva essergli sembrato così vicino da non poter più sfuggire. Non sapeva che il sogno era già alle sue spalle, in quella vasta oscurità dietro la città dove i campi oscuri della repubblica si stendevano nella notte. Gatsby credeva nella luce verde, il futuro orgiastico che anno per anno indietreggia davanti a noi. C'è sfuggito allora, ma non importa: domani andremo più in fretta, allungheremo di più le braccia... e una bella mattina... Così remiamo, barche controcorrente, risospinti senza sosta nel passato.

il grande gatsby di Francis Scott Fitzgerald
<<

Ennio

Avatar utente

Senior Member

Messaggi: 5486

Iscritto il: 8th giugno 2012 17:11

Messaggio 27th giugno 2014 11:44

Re: Le frasi piu' belle...(libri)

"Oggi ho camminato nel sole e nelle strade di questa città:
senza vedere nulla, senza imparare nulla, senza essere nulla".

Charles Bukowski

Frase ben nota.
L'ho letta per la prima volta appena trasferito a Pescara, in pieno delirio di insicurezza dei primi anni di università.
Sembrava scritta per me.
Ieri sera, durante una chiacchiera fra amici ho ricordato il verso e il periodo.

allegria!
Non è possibile alcun progresso senza deviare dalla norma.
Ma per farlo con successo, occorre avere almeno un minimo di familiarità con ogni norma dalla quale contiamo di allontanarci. (FZ)
<<

Ank

Avatar utente

Don't Try

Messaggi: 15826

Iscritto il: 11th febbraio 2009 12:46

Località: Milano....italyyyyy!!!!!!

Messaggio 27th giugno 2014 12:01

Re: Le frasi piu' belle...(libri)

Ennio ha scritto:"Oggi ho camminato nel sole e nelle strade di questa città:
senza vedere nulla, senza imparare nulla, senza essere nulla".

Charles Bukowski

Frase ben nota.
L'ho letta per la prima volta appena trasferito a Pescara, in pieno delirio di insicurezza dei primi anni di università.
Sembrava scritta per me.
Ieri sera, durante una chiacchiera fra amici ho ricordato il verso e il periodo.

allegria!

Il Bucko è una focina di citazioni, per noi poveri disadattati metallari.... :cornine:
"Chi beve un bicchiere.
Chi uno ogni tanto...chi tutte le sere!" R. Gaetano


Sacra Alleanza della Costina ● Mantecatore e massaggiatore :cornine:
...saluti dal bar!

Per chi avesse bisogno di pistoni...
<<

Ennio

Avatar utente

Senior Member

Messaggi: 5486

Iscritto il: 8th giugno 2012 17:11

Messaggio 27th giugno 2014 12:14

Re: Le frasi piu' belle...(libri)

Ank ha scritto:
Ennio ha scritto:"Oggi ho camminato nel sole e nelle strade di questa città:
senza vedere nulla, senza imparare nulla, senza essere nulla".

Charles Bukowski

Frase ben nota.
L'ho letta per la prima volta appena trasferito a Pescara, in pieno delirio di insicurezza dei primi anni di università.
Sembrava scritta per me.
Ieri sera, durante una chiacchiera fra amici ho ricordato il verso e il periodo.

allegria!

Il Bucko è una focina di citazioni, per noi poveri disadattati metallari.... :cornine:



grande Ank!

:tru
Non è possibile alcun progresso senza deviare dalla norma.
Ma per farlo con successo, occorre avere almeno un minimo di familiarità con ogni norma dalla quale contiamo di allontanarci. (FZ)
<<

Squall

Avatar utente

Zio Cantante

Messaggi: 12135

Iscritto il: 27th ottobre 2004 00:53

Località: Anastasia

Messaggio 27th giugno 2014 17:53

Re: Le frasi piu' belle...(libri)

io Bukowski devo ancora approcciarlo, è che spesso me lo trovo citato in contesti un po' bimbominkieschi, quella citazione lì è molto bella però, sembra uscita da "Le città invisibili" di Calvino.

dall'ultimo libro (devo dire in parte deludente) che ho letto:


“C’era una volta un tale di nome Harry, detto il “lupo della steppa”. Camminava con due gambe, portava abiti ed era un uomo, ma, a rigore, era un lupo. Aveva imparato parecchio di quel che possono imparare gli uomini dotati d’intelligenza, ed era uomo piuttosto savio. Ma una cosa non aveva imparato: ad essere contento di sé e della sua vita. Non ci riusciva, era un uomo scontento. Ciò dipendeva probabilmente dal fatto che in fondo al cuore sapeva (o credeva di sapere) di non essere veramente un uomo, ma un lupo venuto dalla steppa.”
H. Hesse, Il lupo della steppa
It's like this endless search for the perfect balance of deconstruction and layered complexity
- Paul Masvidal
<<

Ennio

Avatar utente

Senior Member

Messaggi: 5486

Iscritto il: 8th giugno 2012 17:11

Messaggio 27th giugno 2014 18:48

Re: Le frasi piu' belle...(libri)

Squall ha scritto:io Bukowski devo ancora approcciarlo, è che spesso me lo trovo citato in contesti un po' bimbominkieschi, quella citazione lì è molto bella però, sembra uscita da "Le città invisibili" di Calvino.

dall'ultimo libro (devo dire in parte deludente) che ho letto:


“C’era una volta un tale di nome Harry, detto il “lupo della steppa”. Camminava con due gambe, portava abiti ed era un uomo, ma, a rigore, era un lupo. Aveva imparato parecchio di quel che possono imparare gli uomini dotati d’intelligenza, ed era uomo piuttosto savio. Ma una cosa non aveva imparato: ad essere contento di sé e della sua vita. Non ci riusciva, era un uomo scontento. Ciò dipendeva probabilmente dal fatto che in fondo al cuore sapeva (o credeva di sapere) di non essere veramente un uomo, ma un lupo venuto dalla steppa.”
H. Hesse, Il lupo della steppa



...e più citi Calvino e più ti adoro!

Fammi dire brevemente di Bukowski.
Per molti l'aspetto più evidente della sua scrittura è il racconto esplicito ed esagerato del sesso, delle bevute interminabili, delle sbronze colossali, del vomito, della cacca, della pipì (tutto fatto come e dove si può, spesso addosso).
Un adolescente o un lettore superficiale può limitarsi a vedere solo questo.
E ridere, come l'immaturo che si diverte alla propria stupida, prima trasgressione.
Io nei libri di Bukowski ho trovato il racconto della solitudine, della tristezza degli esclusi e dei disadattati, della povertà, del fallimento dei rapporti umani e del rapporto di coppia, dell'amore per la figlia come unico momento di autentica felicità, dello sfruttamento del lavoro, dell'amore per la poesia e per la letteratura...insomma, potrei continuare per pagine e pagine.
E' chiaro che a seconda della propria sensibilità ognuno scorge qualcosa di diverso. Io ho pianto e riso e mi sono immedesimato un sacco di volte in quello che ho letto. Ci si può fare due risate nei racconti leggeri popolati di beoni e di donnacce. E qualche volta si può stare male nel leggere l'America degli ospedali dei poveri della contea o delle fabbriche piene di gente finita e senza speranza.

Insomma, mi sembra di essere stato troppo rapido e di non aver reso giustizia a questo scrittore, ma ti assicuro che il contesto bimbominkia gli sta moooolto stretto.
Non è possibile alcun progresso senza deviare dalla norma.
Ma per farlo con successo, occorre avere almeno un minimo di familiarità con ogni norma dalla quale contiamo di allontanarci. (FZ)
<<

GAMMAgAY

Avatar utente

Green "Tea" Ranger

Messaggi: 26197

Iscritto il: 16th novembre 2004 04:46

Località: Cassino

Messaggio 28th giugno 2014 05:04

Re: Le frasi piu' belle...(libri)

Squall ha scritto:dall'ultimo libro (devo dire in parte deludente) che ho letto:


“C’era una volta un tale di nome Harry, detto il “lupo della steppa”. Camminava con due gambe, portava abiti ed era un uomo, ma, a rigore, era un lupo. Aveva imparato parecchio di quel che possono imparare gli uomini dotati d’intelligenza, ed era uomo piuttosto savio. Ma una cosa non aveva imparato: ad essere contento di sé e della sua vita. Non ci riusciva, era un uomo scontento. Ciò dipendeva probabilmente dal fatto che in fondo al cuore sapeva (o credeva di sapere) di non essere veramente un uomo, ma un lupo venuto dalla steppa.”
H. Hesse, Il lupo della steppa

no aspè stai scherzando squall???
il lupo della steppa racchiude l'essenza dell'essere. è un libro magico .
<<

phobiA

Avatar utente

Ho la febbra

Messaggi: 1546

Iscritto il: 14th luglio 2003 13:01

Messaggio 28th giugno 2014 15:37

Re: Le frasi piu' belle...(libri)

quoto ennio per bukowski. il lettore medio si ferma alla "superficialità" della scrittura di bukowski, ma secondo me è uno dei maggiori scrittori fatalisti, nichilisti del secolo scorso...una lucidità di pensiero che pur essendo stato un ubriacone esagerato, ha saputo tirar fuori; un schiettezza che ho trovato in ben pochi altri scrittori dei suoi anni, e che ha fatto scuola a quelli a venire in modo palese
<<

Jonah Hex

Avatar utente

Senior Member

Messaggi: 1543

Iscritto il: 23rd aprile 2011 19:41

Messaggio 29th giugno 2014 19:57

Re: Le frasi piu' belle...(libri)

La civiltà scivolò nella sua seconda era di tenebre su una prevedibile scia di sangue, ma a una velocità che nemmeno i futurologi più pessimistici avrebbero potuto pronosticare.
Fu quasi come se non vedesse l’ora di finirci.
Il primo giorno d’ottobre, Dio era nel Suo paradiso, l’indice della Borsa era a 10,140 e quasi tutti gli aerei erano puntuali (eccetto quelli che decollavano da Chicago, e c’era da aspettarselo). Due settimane dopo il cielo apparteneva agli uccelli e il mercato azionario era un ricordo. A Halloween, tutte le metropoli del mondo, da New York a Mosca, puzzavano fino alle stelle e il mondo di prima era un ricordo.


Da Cell, di Stephen King
http://westerncampfire.blogspot.it > Il blog sul West e sul western
- "So what we wanna do, Wyatt?"... "LET'S GO!" -
- Simply because you can breathe doesn't mean you're alive or that you really live -
<<

no_one_there

Avatar utente

IL PASSATO NON MUORE MAI

Messaggi: 4831

Iscritto il: 4th gennaio 2007 11:06

Località: Roma

Messaggio 2nd luglio 2014 18:09

Re: Le frasi piu' belle...(libri)

phobiA ha scritto:quoto ennio per bukowski. il lettore medio si ferma alla "superficialità" della scrittura di bukowski, ma secondo me è uno dei maggiori scrittori fatalisti, nichilisti del secolo scorso...una lucidità di pensiero che pur essendo stato un ubriacone esagerato, ha saputo tirar fuori; un schiettezza che ho trovato in ben pochi altri scrittori dei suoi anni, e che ha fatto scuola a quelli a venire in modo palese

Quoto anche le virgole.
To think we both will die alone...you too!

« Così continuiamo a remare, barche contro corrente, risospinti senza posa nel passato. »

"...Vedrai bruciare ancora la rabbia negli occhi di chi non vince mai,
uniti più d'allora ci sentirai marciare e se ci cercherai
dalla stessa parte ci ritroverai,
perché a perdere non ci si abitua mai..."
<<

no_one_there

Avatar utente

IL PASSATO NON MUORE MAI

Messaggi: 4831

Iscritto il: 4th gennaio 2007 11:06

Località: Roma

Messaggio 31st luglio 2014 17:16

Re: Le frasi piu' belle...(libri)

"E' tanto tempo ormai che lotto per dire addio a qualcosa, ed è la lotta quello che veramente conta. La storia non è nelle parole: è nella lotta,"
Paul Auster - La Stanza chiusa
To think we both will die alone...you too!

« Così continuiamo a remare, barche contro corrente, risospinti senza posa nel passato. »

"...Vedrai bruciare ancora la rabbia negli occhi di chi non vince mai,
uniti più d'allora ci sentirai marciare e se ci cercherai
dalla stessa parte ci ritroverai,
perché a perdere non ci si abitua mai..."
<<

Squall

Avatar utente

Zio Cantante

Messaggi: 12135

Iscritto il: 27th ottobre 2004 00:53

Località: Anastasia

Messaggio 14th agosto 2014 02:49

Re: Le frasi piu' belle...(libri)

Perché vuoi scrivere?
Non so. Una volta pensavo che fosse la mia vocazione. No, non l'ho mai pensato invece. E' solo una frase fatta.
No, non è vero. Io sento veramente che sono nato per fare il commercialista.
Beato te.
Forse tu hai la vocazione di scrivere?
Non so. Magari. E' un modo di dire orribile. Volgare.
Non sembra orribile, e nemmeno volgare.
E' così difficile esprimersi.
Capisco questo.
Io mi voglio esprimere.
Lo stesso è vero anche per me.
Sto cercando la mia voce.
E' dentro la tua bocca.
Voglio fare qualcosa di cui non avere vergogna.
Qualcosa di cui essere orgoglioso, giusto?
Neanche. E' solo che non voglio vergognarmene.
Ci sono tanti scrittori russi pregiati, giusto?
Oh, certo. In quantità.
Tolstoj, giusto? Lui ha scritto Guerra e anche Pace che sono libri pregiati e ha anche vinto il Premio Nobel della Pace per la Letteratura, se non mi sbaglio.
Tolstoj, Belyj, Turgenev.
Una domanda.
Sì?
Tu scrivi perchè hai qualcosa da dire?
No.
E se posso traslocare a un altro argomento: quanta moneta guadagna un commercialista in America?
Non so. Credo guadagnino un sacco di soldi, se sono bravi. O brave.
Brave!
O bravi.
Ci sono anche commercialisti negri?
Ci sono commercialisti afroamericani. Senti, Alex... è meglio se non usi quella parola lì.
E commercialisti omosessuali?
Ci sono omosessuali in tutti i mestieri. Ci sono netturbini omosessuali.
Quanta moneta può guadagnare un commercialista negro omosessuale?


- da "Ogni cosa è illuminata"
It's like this endless search for the perfect balance of deconstruction and layered complexity
- Paul Masvidal
<<

Squall

Avatar utente

Zio Cantante

Messaggi: 12135

Iscritto il: 27th ottobre 2004 00:53

Località: Anastasia

Messaggio 19th ottobre 2014 04:41

Re: Le frasi piu' belle...(libri)

Un paese ci vuole, non fosse che per il gusto di andarsene via. Un paese vuol dire non essere soli, sapere che nella gente, nelle piante, nella terra c'è qualcosa di tuo, che anche quando non ci sei resta ad aspettarti. Ma non è facile starci tranquillo. Da un anno che lo tengo d'occhio e quando posso ci scappo da Genova, mi sfugge di mano. Queste cose si capiscono col tempo e l'esperienza. Possibile che a quarant'anni, e con tutto il mondo che ho visto, non sappia ancora che cos'è il mio paese?

Cesare Pavese, "La luna e i falò"
It's like this endless search for the perfect balance of deconstruction and layered complexity
- Paul Masvidal
<<

Heartagram

Sabbra Cadabra!

Messaggi: 1833

Iscritto il: 29th novembre 2002 16:38

Messaggio 19th ottobre 2014 19:38

Re: Le frasi piu' belle...(libri)

Squall ha scritto:Un paese ci vuole, non fosse che per il gusto di andarsene via. Un paese vuol dire non essere soli, sapere che nella gente, nelle piante, nella terra c'è qualcosa di tuo, che anche quando non ci sei resta ad aspettarti. Ma non è facile starci tranquillo. Da un anno che lo tengo d'occhio e quando posso ci scappo da Genova, mi sfugge di mano. Queste cose si capiscono col tempo e l'esperienza. Possibile che a quarant'anni, e con tutto il mondo che ho visto, non sappia ancora che cos'è il mio paese?

Cesare Pavese, "La luna e i falò"


Proprio ora sto leggendo "La Prima Radice" di Simone Weil, che tratta piu' o meno questi temi (lei lo chiama "radicamento"):

"Il radicamento è forse il bisogno più importante e più misconosciuto dell’anima umana. È tra i più difficili da definire. Mediante la sua partecipazione reale, attiva e naturale, all’esistenza di una collettività che conservi vivi certi tesori del passato e certi presentimenti del futuro, l’essere umano ha una radice. Partecipazione naturale, cioè imposta automaticamente dal luogo, dalla nascita, dalla professione, dall’ambiente. Ad ogni essere umano occorrono radici multiple. Ha bisogno di ricevere quasi tutta la sua vita morale, intellettuale, spirituale tramite gli ambienti cui appartiene naturalmente."

Sempre in tema, un passaggio da Calvino - Se una notte d'inverno un viaggiatore:

"[...] - insomma quante volte, quando il passato mi pesava troppo addosso, non m'aveva preso quella speranza del taglio netto: cambiare mestiere, moglie, città, continente, - un continente dopo l'altro, fino a far tutto il giro, -consuetudini, amici, affari, clientela. Era un errore, quando me ne sono accorto era tardi. Perché a questa maniera non ho fatto altro che accumulare passati su passati dietro le mie spalle, moltiplicarli, i passati, e se una vita mi riusciva troppo fitta e ramificata e ingarbugliata per portarmela sempre dietro, figuriamoci tante vite, ognuna col suo passato e i passati delle altre vite che continuano ad annodarsi gli uni agli altri. Avevo un bel dire ogni volta: che sollievo, rimetto il contachilometri a zero, passo la spugna sulla lavagna: l'indomani del giorno in cui ero arrivato in un paese nuovo già questo zero era diventato un numero di tante cifre che non stava più sui rulli, che occupava la lavagna da un capo all'altro, persone, posti, simpatie, antipatie, passi falsi."
<<

Squall

Avatar utente

Zio Cantante

Messaggi: 12135

Iscritto il: 27th ottobre 2004 00:53

Località: Anastasia

Messaggio 6th dicembre 2014 13:39

Re: Le frasi piu' belle...(libri)

se una notte d'inverno un viaggiatore. zzz


riporto un giochino letterario sulla virgola, sempre dalla penna di Cortàzar:
"Si el hombre supiera realmente el valor que tiene la mujer andaría en cuatro patas en su búsqueda"
"Se l'uomo sapesse realmente il valore che ha la donna andrebbe a quattro zampe alla sua ricerca"

dove si mette la virgola?
l'uomo la mette dopo "ha", la donna dopo "donna".

raven la mette dopo "realmente". zzz
It's like this endless search for the perfect balance of deconstruction and layered complexity
- Paul Masvidal
PrecedenteProssimo

Torna a Cinema, TV e Libri

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 3 ospiti

Powered by phpBB © 2000, 2002, 2005, 2007 phpBB Group.
Designed by ST Software for PTF.
Traduzione Italiana phpBBItalia.net basata su phpBB.it 2010