Pagina 1 di 1

Quello che il lavoro non vi fa più fare

Inviato: 31 luglio 2019 14:06
da Jem7
A me piace leggere (sia per diletto che per cultura personale o studiare qualcosa), scrivere e giocare ai videogiochi.
Col fatto che di lavoro traduco e revisioni testi di videogiochi, non ho più voglia né di leggere, né di scrivere, né di giocare a qualcosa.
Soprattutto per quanto riguarda le prime due attività, arrivo a fine giornata che ho il cervello prosciugato per qualsiasi cosa che richieda attenzione e un po' di neuroni ancora funzionanti.
Coi i VG la cosa è un po' diversa, se ho tempo libero non lo userei cmq per giocare, anche avessi voglia, che tanto parecchi titoli me li spoilero leggendo tutto prima che escano... però un po' mi rode.

Un mio amico fumettista non legge più fumetti, che ha la nausea. Un mio amico prof non legge più libri "per diletto" che non ne può più.

E voi? Il lavoro vi sta privando di qualche vecchio piacere?

Re: Quello che il lavoro non vi fa più fare

Inviato: 31 luglio 2019 14:12
da Graz
Quando torno a casa non mi fa più voglia di fare le pulizie :asd:

Inviato dal mio ASUS_Z010D utilizzando Tapatalk


Re: Quello che il lavoro non vi fa più fare

Inviato: 31 luglio 2019 14:22
da Erotic.Nightmares
Faccio un lavoro massacrante che mi assorbe completamente circa 11h senza contare le trasferte, mediamente entro in ufficio per le 6:30-6:45 del mattino e prima delle 18 non esco mai. Arrivo a casa e c'è l'Erede che ha bisogno di attenzioni e quant'altro. Ciononostante continuo a portare avanti le mie passioni (lettura, musica, cucina, porno, corsa/palestra quando non ho dolori vari...) perchè non sono gli impegni di lavoro che ci impediscono di fare le cose, è la pigrizia. Gli impegni di lavoro sono solo la scusa per non ammettere a noi stessi che in realtà non abbiamo più voglia di fare una determinata cosa.

Re: Quello che il lavoro non vi fa più fare

Inviato: 31 luglio 2019 14:43
da Soulburner
Ha ragione l'Erotico.

Re: Quello che il lavoro non vi fa più fare

Inviato: 31 luglio 2019 14:57
da Nihilist
io di lavoro faccio il programmatore, e spesso quando arrivo a casa mi metto a programmare per i fatti miei :asd:

Re: Quello che il lavoro non vi fa più fare

Inviato: 31 luglio 2019 15:26
da Soulburner
Nihilist ha scritto:
31 luglio 2019 14:57
io di lavoro faccio il programmatore, e spesso quando arrivo a casa mi metto a programmare per i fatti miei :asd:
Sì ma quelli come noi sono un caso a parte. :asd:

Re: Quello che il lavoro non vi fa più fare

Inviato: 31 luglio 2019 15:55
da Nihilist
Soulburner ha scritto:
31 luglio 2019 15:26
Nihilist ha scritto:
31 luglio 2019 14:57
io di lavoro faccio il programmatore, e spesso quando arrivo a casa mi metto a programmare per i fatti miei :asd:
Sì ma quelli come noi sono un caso a parte. :asd:
non siamo normali :cornine:

Re: Quello che il lavoro non vi fa più fare

Inviato: 31 luglio 2019 16:10
da Jem7
Brutta razza i programmatori :asd:

Il senso del mio post però era non tanto il fatto che il lavoro vi prenda il tempo o la voglia per fare altre cose, era più un "se fossi panettiere, non mangerei più pane". Fare qualcosa che vi satura dal volerla fare anche nel tempo libero.

Però è vero, sono sempre stato pigro, ma quando ho del tempo libero e in casa non servo a nessuno, piuttosto mi metto di nuovo a lavorare, che tanto di roba da fare ne ho a getto continuo
:asd:

Ecco, in effetti man mano che scrivo il post mi viene in mente che magari considero solo tempo sprecato fare certe attività...

Re: Quello che il lavoro non vi fa più fare

Inviato: 1 agosto 2019 14:12
da ELASTIKO
lavorando in una vetreria industriale non ho di certo questo problema :asd:
però capisco bene il senso del discorso di Jem (che credo sia stato travisato da Erotic).
io in questi ultimi anni ho trascurato la musica ma conto di andare a recupero da ottobre in poi, con l'entrata nella casa nuova (a Trezzano, dove lavoro, ho le figlie, la famiglia, il naviglio per andare a correre, ecc ecc)
fumetti, ne compro ma non leggo, più che altro perchè leggo moltissimi libri (ma credo anche che il mondo del fumetto cominci a non entusiasmarmi come un tempo)
poi cinema e, soprattutto, serie tv.
videogiochi zero, sono fermo alla Playstation2 ma da ottobre potrebbero cambiare le cose, boh.

Re: Quello che il lavoro non vi fa più fare

Inviato: 1 agosto 2019 14:32
da Sairus
Erotic.Nightmares ha scritto:
31 luglio 2019 14:22
Faccio un lavoro massacrante che mi assorbe completamente circa 11h senza contare le trasferte, mediamente entro in ufficio per le 6:30-6:45 del mattino e prima delle 18 non esco mai. Arrivo a casa e c'è l'Erede che ha bisogno di attenzioni e quant'altro. Ciononostante continuo a portare avanti le mie passioni (lettura, musica, cucina, porno, corsa/palestra quando non ho dolori vari...) perchè non sono gli impegni di lavoro che ci impediscono di fare le cose, è la pigrizia. Gli impegni di lavoro sono solo la scusa per non ammettere a noi stessi che in realtà non abbiamo più voglia di fare una determinata cosa.
Pari pari. Faccio tutto come prima. Non si molla un cazzo.

Re: Quello che il lavoro non vi fa più fare

Inviato: 1 agosto 2019 15:05
da Fenix
Sono ragioniere e per forza di cose è un ambito nel quale ci si sbatte spesso e volentieri, non ci si scappa.

Per il resto non avendo il dono dell'ubiquità la scelta tra mie passioni (principalmente musica, calcio da divano e qualche serie TV) e la famiglia ricade molto volentieri su quest'ultima, per li cazzi mia approfitto del calar delle tenebre e del sonno delle mie donne.

Re: Quello che il lavoro non vi fa più fare

Inviato: 1 agosto 2019 15:23
da ELASTIKO
Fenix ha scritto:
1 agosto 2019 15:05
per li cazzi mia approfitto del calar delle tenebre e del sonno delle mie donne.
bravo!
pure io ho sempre fatto così (e continuo a farlo).
non mi privo della mia famiglia, e non privo loro della mia presenza
per le cose mie, il tempo lo trovo, anche a discapito del sonno

Inviato: 1 agosto 2019 16:39
da Cotlod
Una sorta di rigetto legato al lavoro ce l'ho: la tecnologia.
Lavoro in una azienda di automazione industriale (costruiamo macchine per l'industria del vetro auto) e sto tutto il giorno a contatto con sistemi automatici, robot, sistemi di visione, ecc...

Però tutta sta tecnologia non la voglia nella mia vita extra lavorativa: non ho uno smartphone (ho un Nokia 3310), non ho tablet, televisione, men che meno robe tipo domotica.
Per rispondere invece alla questione sollevata da Erotic: la famiglia assorbe quasi tutto il mio tempo libero e non faccio più quello che facevo prima (suonare, andare ai concerti). Mi va bene così: nella vita ci sono varie stagioni e adesso è tempo di dedicarmi alla famiglia più che a me stesso; non escluso che in futuro possa cambiare.

Una volta ascoltai uno saggio che disse tipo: nella vita prima fai quello che vuoi, poi quello che devi, poi quello che vuoi.

Re:

Inviato: 1 agosto 2019 19:20
da Sairus
Cotlod ha scritto:
1 agosto 2019 16:39
Una sorta di rigetto legato al lavoro ce l'ho: la tecnologia.
Lavoro in una azienda di automazione industriale (costruiamo macchine per l'industria del vetro auto) e sto tutto il giorno a contatto con sistemi automatici, robot, sistemi di visione, ecc...

Però tutta sta tecnologia non la voglia nella mia vita extra lavorativa: non ho uno smartphone (ho un Nokia 3310), non ho tablet, televisione, men che meno robe tipo domotica.
Per rispondere invece alla questione sollevata da Erotic: la famiglia assorbe quasi tutto il mio tempo libero e non faccio più quello che facevo prima (suonare, andare ai concerti). Mi va bene così: nella vita ci sono varie stagioni e adesso è tempo di dedicarmi alla famiglia più che a me stesso; non escluso che in futuro possa cambiare.

Una volta ascoltai uno saggio che disse tipo: nella vita prima fai quello che vuoi, poi quello che devi, poi quello che vuoi.
a me sta cosa che dedicarsi alla famiglia non è dedicarsi a se stesso non va giù, non l'ho mai capita

Re: Quello che il lavoro non vi fa più fare

Inviato: 1 agosto 2019 23:36
da Fenix
Sono semplicemente due aspetti pressoché inconciliabili, se guardo a me stesso non posso essere presente per gli altri, mi pare piuttosto semplice la cosa.

Re: Re:

Inviato: 2 agosto 2019 08:11
da Jem7
Sairus ha scritto:
1 agosto 2019 19:20

a me sta cosa che dedicarsi alla famiglia non è dedicarsi a se stesso non va giù, non l'ho mai capita
non mi è chiaro il messaggio. intendi dire che anche dedicarsi alla famiglia è dedicarsi a se stessi?

Re: Re:

Inviato: 2 agosto 2019 08:45
da Sairus
Jem7 ha scritto:
2 agosto 2019 08:11
Sairus ha scritto:
1 agosto 2019 19:20

a me sta cosa che dedicarsi alla famiglia non è dedicarsi a se stesso non va giù, non l'ho mai capita
non mi è chiaro il messaggio. intendi dire che anche dedicarsi alla famiglia è dedicarsi a se stessi?
secondo la mia visione delle cose dovrebbe esserlo, altrimenti c'è qualcosa che non va

Re: Quello che il lavoro non vi fa più fare

Inviato: 2 agosto 2019 08:55
da Jem7
Ok, allora sì. È indubbiamente un dedicarsi a se stessi, ma in maniera diversa. A me piace giocare col pupo ogni volta che posso, ma anche per quello faccio sempre meno cose prettamente "per me", come potrebbe essere ascoltarmi un cd con le cuffie o leggermi un libro. O magari non vado più a fare uscite di più giorni per non stare troppo via e lasciare in "difficoltà" la mia compagna, o per meri motivi economici.
Però mica mi dispiace.

Re: Quello che il lavoro non vi fa più fare

Inviato: 2 agosto 2019 09:15
da ELASTIKO
nient'altro da aggiungere al discorso fatto da Jem.

Re: Quello che il lavoro non vi fa più fare

Inviato: 27 agosto 2019 08:33
da rabe
io mi sono rotto il cazzo a 360 gradi

Re: Quello che il lavoro non vi fa più fare

Inviato: 27 agosto 2019 11:42
da None
rabe ha scritto:
27 agosto 2019 08:33
io mi sono rotto il cazzo a 360 gradi
un posto isolato, silenzio, vivere la terra, tanti animaletti intorno e altri umani solo quando è necessario, ancora silenzio...

Re: Quello che il lavoro non vi fa più fare

Inviato: 27 agosto 2019 23:55
da rabe
None ha scritto:
27 agosto 2019 11:42
rabe ha scritto:
27 agosto 2019 08:33
io mi sono rotto il cazzo a 360 gradi
un posto isolato, silenzio, vivere la terra, tanti animaletti intorno e altri umani solo quando è necessario, ancora silenzio...
esattamente
fortunatamente ho scoperto che in fondo al mare nessuno mi puo' cagare il cazzo, e mi nascondo li' ultimamente

non sopporto piu' un cazzo di nessuno, ed e' tutto collegato

Re: Quello che il lavoro non vi fa più fare

Inviato: 28 agosto 2019 00:41
da None
ti capisco benissimo zzz

Re: Quello che il lavoro non vi fa più fare

Inviato: 28 agosto 2019 01:12
da rabe
zzz

Re: Quello che il lavoro non vi fa più fare

Inviato: 28 agosto 2019 08:23
da Erlik_khan
Jem7 ha scritto:
2 agosto 2019 08:55
Ok, allora sì. È indubbiamente un dedicarsi a se stessi, ma in maniera diversa. A me piace giocare col pupo ogni volta che posso, ma anche per quello faccio sempre meno cose prettamente "per me", come potrebbe essere ascoltarmi un cd con le cuffie o leggermi un libro. O magari non vado più a fare uscite di più giorni per non stare troppo via e lasciare in "difficoltà" la mia compagna, o per meri motivi economici.
Però mica mi dispiace.
Quoto tutto, tranne l'ultima riga: a me manca dedicarmi un po' al cazzo che mi pare, anche e sopratutto improvvisando sul momento :(