Arch/Matheos - Sympathetic Resonance

Heavy metal, power, US power, epic, progressive metal, doom, hard rock e tutte le sue sfaccettature (AOR, glam, hair metal, street, sleaze, christian ecc...)
Avatar utente
AntonioC.
Senior Member
Messaggi: 9988
Iscritto il: 25 giugno 2009 08:46

Re: Arch/Matheos - Sympathetic Resonance

Messaggio da AntonioC. » 20 novembre 2019 12:17

Polimar72 ha scritto:
20 novembre 2019 10:55
Senza entrare in polemica, ma il mio pensiero è diverso.
E' un disco che non accetta compromesssi. Il 7,5 è un insulto. Meglio un 4 a questo punto. Capisco la gente come Jem che dice:"non lo sopporto", "non mi piace", "non mi dice nulla"..ok lo accetto. Ma se gli dai 7,5 significa che un pò ti è piaciuto e questo è incomprensibile perchè appena appena entri in un disco come questo è IMPOSSIBILE non rimanere ammaliati. Non ammette tiepidezze di nessun tipo.
Invece mi sembra un giudizio oggettivo nella sua soggettività (e scusate l'ossimoro).
Non gli si può dare 4 perchè gli farebbe un torto, ma neanche più di 7,5 perchè è un bel disco ma c'è quel cantante lì....
Non si boccia il disco, probabilmente neanche il cantante, ma non è pienamente nelle corde del recensore.
O' pauer metal n'adda cagnà.
Avatar utente
Il Criceto Fuxia
Senior Member
Messaggi: 6590
Iscritto il: 26 marzo 2010 13:51

Re: Arch/Matheos - Sympathetic Resonance

Messaggio da Il Criceto Fuxia » 22 novembre 2019 23:47

Chiaramente 10 non lo può avere. Un capolavoro si giudica attraverso tanti aspetti, uno dei quali è l'impatto (anche potenziale) sulla scena. Cosa che non avverrà mai, sia perchè uscito in un periodo del genere, che è fuori tempo massimo, sia perchè francamente moltissimi cantanti della scena attuale (e passata) non hanno (e non avevano) gli strumenti per poter capire ed assimilare un cantante come Arch.

D'altro canto c'è anche da dire che mi son dovuto far travasare la bile in silenzio 15 anni fa vedendo classificati come capolavori quelle due cagate a moniker OSI, con in più quello schifo (in tutti i sensi) di voce di K.Moore...Kevin, non me ne volere, ti voglio sempre bene.

9 ci sta tutto, per me. Capolavoro no, ha anche qualche punto debole per quanto mi riguarda, ma ne abbiamo già parlato ampiamente mesi fa.
Avatar utente
Squall
Zio Cantante
Messaggi: 12375
Iscritto il: 27 ottobre 2004 00:53
Località: Anastasia

Re: Arch/Matheos - Sympathetic Resonance

Messaggio da Squall » 24 novembre 2019 22:49

Il Criceto Fuxia ha scritto:
22 novembre 2019 23:47
D'altro canto c'è anche da dire che mi son dovuto far travasare la bile in silenzio 15 anni fa vedendo classificati come capolavori quelle due cagate a moniker OSI, con in più quello schifo (in tutti i sensi) di voce di K.Moore...Kevin, non me ne volere, ti voglio sempre bene.
forse non tutti hanno "gli strumenti per poter capire ed assimilare" il lavoro concettuale di Moore. :finger:
It's like this endless search for the perfect balance of deconstruction and layered complexity
- Paul Masvidal
Avatar utente
Il Criceto Fuxia
Senior Member
Messaggi: 6590
Iscritto il: 26 marzo 2010 13:51

Re: Arch/Matheos - Sympathetic Resonance

Messaggio da Il Criceto Fuxia » 24 novembre 2019 22:58

Squall ha scritto:
24 novembre 2019 22:49
Il Criceto Fuxia ha scritto:
22 novembre 2019 23:47
D'altro canto c'è anche da dire che mi son dovuto far travasare la bile in silenzio 15 anni fa vedendo classificati come capolavori quelle due cagate a moniker OSI, con in più quello schifo (in tutti i sensi) di voce di K.Moore...Kevin, non me ne volere, ti voglio sempre bene.
forse non tutti hanno "gli strumenti per poter capire ed assimilare" il lavoro concettuale di Moore. :finger:

:asd:

intanto il tempo, spesso tra i migliori recensori, se non il migliore, lo ha trattato maluccio
Avatar utente
Squall
Zio Cantante
Messaggi: 12375
Iscritto il: 27 ottobre 2004 00:53
Località: Anastasia

Re: Arch/Matheos - Sympathetic Resonance

Messaggio da Squall » 24 novembre 2019 23:15

in che senso? se ti riferisci al fatto che sia lentamente scomparso dai radar non credo sia dipeso dal mancato successo dei suoi album: è risaputo che abbia uno stile di vita molto riservato e che non si sia mai sbattuto troppo per aprirsi un mercato come artista o professionista in ambito musicale.

io al contrario credo che "Blood" sia uno dei dischi di prog metal, tra virgolette, classico che regge meglio la prova del tempo, proprio grazie al tocco personale alla voce e all'elettronica che lo fa emergere dalla moltitudine di schitarro-tastiero-lirismo tutto uguale che si è sviluppato negli anni 00.

scusate l'OT ma c'è un :finger: necessario.
It's like this endless search for the perfect balance of deconstruction and layered complexity
- Paul Masvidal
Avatar utente
Il Criceto Fuxia
Senior Member
Messaggi: 6590
Iscritto il: 26 marzo 2010 13:51

Re: Arch/Matheos - Sympathetic Resonance

Messaggio da Il Criceto Fuxia » 24 novembre 2019 23:27

Squall ha scritto:
24 novembre 2019 23:15


io al contrario credo che "Blood" sia uno dei dischi di prog metal, tra virgolette, classico che regge meglio la prova del tempo, proprio grazie al tocco personale alla voce e all'elettronica che lo fa emergere dalla moltitudine di schitarro-tastiero-lirismo tutto uguale che si è sviluppato negli anni 00.
già ne hai le prove in questo microcosmo:
se ne hai parlato tu ora, lo devi a me che l'ho tirato dentro, altrimenti il nome osi restava a pag 325 (o giù di lì) :finger: specchio riflesso gne gne gne

Detto ciò, per me vale quanto dicevo per WE: non ha avuto impatto sulla scena, tanto meno ha dato il là ad epigoni significativi.

per quanto riguarda il buon Kevin, certamente ha avuto impato sulla scena: con i primi 3 DT :corn
Avatar utente
Squall
Zio Cantante
Messaggi: 12375
Iscritto il: 27 ottobre 2004 00:53
Località: Anastasia

Re: Arch/Matheos - Sympathetic Resonance

Messaggio da Squall » 25 novembre 2019 00:12

DT cacca :finger:
a prescindere dall'impatto, mi hai fatto partire il trip e mi sono riascoltato "Blood", ora ho rimesso il primo: quanta arroganza nell'apertura in 11/8, tanta roba il bonus disc.

per tornare IT: l'ultimo Arch/Matheos l'ho ascoltato poco per via della produzione che è un macigno sulle orecchie, mi è piaciucchiato e vorrei riprenderlo in mano, ma il loro pezzo che preferisco rimane quella bomba di "Neurotically wired" (di cui, tra l'altro, ho colto il significato del titolo solo in un'epifania in questo medesimo istante).
It's like this endless search for the perfect balance of deconstruction and layered complexity
- Paul Masvidal
Avatar utente
Sairus
Penso, dunque Suono
Messaggi: 14291
Iscritto il: 28 novembre 2002 15:31
Località: Roma
Contatta:

Re: Arch/Matheos - Sympathetic Resonance

Messaggio da Sairus » 30 dicembre 2019 16:38

Finalmente ascoltato un pò di volte, con la giusta calma...che dire?
Sicuramente bello, bellissimo. Arch dal timbro sempre estremo, da amare o odiare, ma non è quello il punto. Si poteva fare di più su tanti fronti, a cominciare da alcuni suoni. In ogni caso grande disco, da sviscerare con altri ascolti.

PS.
Quando c'è Zonder dietro le pelli le cose migliorano sensibilmente, bobby secondo me non è mai stato adatto a valorizzare il lavoro di matheos, per quanto bravissimo

PPS.
i due degli OSI sono fantastici, di che cazzo parliamo? Non scherziamo su...
"Art for art's sake"
(W.Pater)
12 Gennaio 2013, i Maya non ci hanno capito un cazzo. [cit. Erotico]
...perchè la musica è agonismo!!! [cit. Franzi]
LA SFERA
Aragorn_V
Senior Member
Messaggi: 4139
Iscritto il: 12 settembre 2004 14:47

Re: Arch/Matheos - Sympathetic Resonance

Messaggio da Aragorn_V » 30 dicembre 2019 23:12

Per me la produzione è perfetta così. Mi piace molto di più di sympathetic anche per quello
Rispondi