Metal: a quando una nuova "rivoluzione?"

Sezione per discussioni generiche INERENTI alla musica: festival, riviste, sondaggi globali, "cosa state ascoltando" ecc ecc...
Avatar utente
cdf
black light
Messaggi: 4578
Iscritto il: 31 gennaio 2010 14:00

Metal: a quando una nuova "rivoluzione?"

Messaggio da cdf » 19 settembre 2019 16:32

Partendo da dei post nel thread dei Rage Against the Machine, mi è venuto in mente di postare questa nuova discussione.
Si parla spesso male dei '90, ma in verità hanno dato un bello scossone alla scena metal, che in parte è scomparsa e in parte si è "reinventata".
Dagli anni '00 si è visto un ritorno degli '80, magari mischiati con i '90 (vedi il "love metal" e il "symphonic metal", chiari mix di '80 e '90, come anche l'hard di gente come i Velvet Revolver), ma + spesso nella loro forma + pura.
Ora, alle soglie degli anni '20, il metal può avere ancora un'altra "evoluzione" (?), come accadde nei '90, oppure si trincererà nei classici anni '80?
A voi la parola...
Avatar utente
Fenix
Senior Member
Messaggi: 3570
Iscritto il: 21 aprile 2010 15:15
Località: Palahöl
Contatta:

Re: Metal: a quando una nuova "rivoluzione?"

Messaggio da Fenix » 19 settembre 2019 17:08

Credo che da anni ormai si sia sviscerato lo sviscerabile, oggi non vedo né prevedo chissà quali evoluzione del metal, si andrà avanti o per mischioni o per rivisitazione/riproposizione dei classici sottogeneri, pescando alternativamente dalle tre storiche decadi.
Personalmente mi va bene così, visto che di buon materiale per le orecchie si trova sempre, non mi interessa cercare necessariamente la novità, basta ed avanza la buona musica.
Time is a never ending journey
Love is a never ending smile
Give me a sign to build a dream on
Dream on...


The Fenix Pit
Avatar utente
Graz
Aske.
Messaggi: 47143
Iscritto il: 23 novembre 2002 15:21
Località: Vallerona, Grosseto - Roma
Contatta:

Re: Metal: a quando una nuova "rivoluzione?"

Messaggio da Graz » 19 settembre 2019 17:11

non credo proprio sinceramente
Siete quasi tutti dei deficienti :rip
"Non può essere UNO del Mozambico a decidere" (cit.)
"guarda che bisogna che mi rispondi meglio perchè sennò lo scooter te lo infilo su per il culo" powered by Erotic
Avatar utente
johnny-blade
Senior Member
Messaggi: 13354
Iscritto il: 17 aprile 2012 17:44
Località: MI but I ♥ PE

Re: Metal: a quando una nuova "rivoluzione?"

Messaggio da johnny-blade » 19 settembre 2019 17:12

Non mi sono mai reso conto che si fosse parlato male degli anni 90, tra l'altro per me i più belli.

crisc sand
ca diavl già ci sì
Avatar utente
cdf
black light
Messaggi: 4578
Iscritto il: 31 gennaio 2010 14:00

Re: Metal: a quando una nuova "rivoluzione?"

Messaggio da cdf » 19 settembre 2019 17:21

Probabilmente non c'è molta alternativa, anche perchè nel rock "tutto"(ma anche nel pop) è stato inventato e reinventato tutto.
Ci rimane la musica elettronica e il jazz, uniche 2 forme di musica dove si può ancora essere "freschi" e "nuovi", che potrebbero dare una mano al metal, nel tirare fuori qualcosa di nuovo.
Ma sarà un'impresa ardua, forse impossibile.
Avatar utente
cdf
black light
Messaggi: 4578
Iscritto il: 31 gennaio 2010 14:00

Re: Metal: a quando una nuova "rivoluzione?"

Messaggio da cdf » 19 settembre 2019 17:24

johnny-blade ha scritto:
19 settembre 2019 17:12
Non mi sono mai reso conto che si fosse parlato male degli anni 90, tra l'altro per me i più belli.
Be, se vai in "classic" e ti metti a parlare dei '90, probabilmente sarai sommerso di insulti...
Avatar utente
Fenix
Senior Member
Messaggi: 3570
Iscritto il: 21 aprile 2010 15:15
Località: Palahöl
Contatta:

Re: Metal: a quando una nuova "rivoluzione?"

Messaggio da Fenix » 19 settembre 2019 17:24

johnny-blade ha scritto:
19 settembre 2019 17:12
Non mi sono mai reso conto che si fosse parlato male degli anni 90, tra l'altro per me i più belli.
Ne parla male soprattutto chi è rimasto orfano del metal cotonato.
Time is a never ending journey
Love is a never ending smile
Give me a sign to build a dream on
Dream on...


The Fenix Pit
Avatar utente
Fenix
Senior Member
Messaggi: 3570
Iscritto il: 21 aprile 2010 15:15
Località: Palahöl
Contatta:

Re: Metal: a quando una nuova "rivoluzione?"

Messaggio da Fenix » 19 settembre 2019 17:26

cdf ha scritto:
19 settembre 2019 17:21
Probabilmente non c'è molta alternativa, anche perchè nel rock "tutto"(ma anche nel pop) è stato inventato e reinventato tutto.
Ci rimane la musica elettronica e il jazz, uniche 2 forme di musica dove si può ancora essere "freschi" e "nuovi", che potrebbero dare una mano al metal, nel tirare fuori qualcosa di nuovo.
Ma sarà un'impresa ardua, forse impossibile.
Di album "freschi" ne escono tutti gli anni ma nessuno è più in grado di cambiare le carte in tavola, forse non c'è neanche più la necessità di farlo.
Time is a never ending journey
Love is a never ending smile
Give me a sign to build a dream on
Dream on...


The Fenix Pit
Avatar utente
cdf
black light
Messaggi: 4578
Iscritto il: 31 gennaio 2010 14:00

Re: Metal: a quando una nuova "rivoluzione?"

Messaggio da cdf » 19 settembre 2019 17:33

Fenix ha scritto:
19 settembre 2019 17:26
Di album "freschi" ne escono tutti gli anni ma nessuno è più in grado di cambiare le carte in tavola, forse non c'è neanche più la necessità di farlo.
Si finirà come il dark ed i suoi sottogeneri (EBM, dark ambient, new wave, goth rock, death rock, psychobilly, future pop, ecc...), che continuano a ripetersi all'infinito, con un alternarsi di qualità, + o - buona.
Avatar utente
johnny-blade
Senior Member
Messaggi: 13354
Iscritto il: 17 aprile 2012 17:44
Località: MI but I ♥ PE

Re: Metal: a quando una nuova "rivoluzione?"

Messaggio da johnny-blade » 19 settembre 2019 17:39

Ma se negli anni 90 sono usciti dei dischi paurosi.
Boh. Non capisco.

crisc sand
ca diavl già ci sì
Avatar utente
cdf
black light
Messaggi: 4578
Iscritto il: 31 gennaio 2010 14:00

Re: Metal: a quando una nuova "rivoluzione?"

Messaggio da cdf » 19 settembre 2019 17:44

johnny-blade ha scritto:
19 settembre 2019 17:39
Ma se negli anni 90 sono usciti dei dischi paurosi.
Boh. Non capisco.
Sicuramente, ma i puristi li odiano (a meno che non si parli di power, ovviamente).
Avatar utente
johnny-blade
Senior Member
Messaggi: 13354
Iscritto il: 17 aprile 2012 17:44
Località: MI but I ♥ PE

Re: Metal: a quando una nuova "rivoluzione?"

Messaggio da johnny-blade » 19 settembre 2019 17:48

Aggiungo che esistono da tempo gruppi electro metal/core ma evidentemente fanno così cacare che non ne parla nessuno.

crisc sand
ca diavl già ci sì
Avatar utente
cdf
black light
Messaggi: 4578
Iscritto il: 31 gennaio 2010 14:00

Re: Metal: a quando una nuova "rivoluzione?"

Messaggio da cdf » 19 settembre 2019 17:56

johnny-blade ha scritto:
19 settembre 2019 17:48
Aggiungo che esistono da tempo gruppi electro metal/core ma evidentemente fanno così cacare che non ne parla nessuno.
E sì, la qualità è pessima...
Ci sono anche band che hanno provato col jazz (vedi i White Ward: viewtopic.php?f=45&t=44275, e l'ultimo album degli Imperial Triumphant, "Vile Luxury") e non sono affatto male, ma non so a quanti metallari questa nuova deriva piaccia...
Avatar utente
cdf
black light
Messaggi: 4578
Iscritto il: 31 gennaio 2010 14:00

Re: Metal: a quando una nuova "rivoluzione?"

Messaggio da cdf » 19 settembre 2019 18:17

In molti citano i Naked City e i Painkiller (due band di John Zorn) come esempio di commistione tra jazz e metal estremo, ma queste 2 band in realtà non hanno niente metal nel loro sound!
Avatar utente
cdf
black light
Messaggi: 4578
Iscritto il: 31 gennaio 2010 14:00

Re: Metal: a quando una nuova "rivoluzione?"

Messaggio da cdf » 19 settembre 2019 18:19

Nei primi anni '90 c'era una band britannica che mischiava dance (techno, house, ecc...) con il metal, ma non mi viene in mente il nome (comunque facevano abbastanza cagare).
Avatar utente
moonfog
Senior Member
Messaggi: 7817
Iscritto il: 17 aprile 2003 13:59
Località: losanna - svizzera

Re: Metal: a quando una nuova "rivoluzione?"

Messaggio da moonfog » 19 settembre 2019 21:15

per me, gli anni novanta sono stati il periodo del passaggio dai metallica/slayer/iron_maiden/ac_dc al metal estremo (che finalmente diveniva autonomo e produceva i suoi capolavori (nei primi anni novanta)).
contemporaneamente il metal "alternativo" e il grunge dava una spinta (verso il burrone?) a tutto il carrozzone del metal.
Ricordiamo tra le bands più importanti del periodo: Faith No More, Soundgarden, Primus, Tool, Rage Against The Machine, Ministry. Si trattava di gruppi con un enorme seguito e un successo inimmaginabile.
In seguito é arrivato il nu metal e il metalcore. Da allora, le idee nuove pero' latitano ed il metal si é cristallizzato, riciclando se stesso. Ma 40 anni sono tanti...non si può' ottenere nuova linfa da una musica oramai fossilizzata.
Io continuo a seguirlo ma mi limito a pochi generi... kkk
Avatar utente
johnny-blade
Senior Member
Messaggi: 13354
Iscritto il: 17 aprile 2012 17:44
Località: MI but I ♥ PE

Re: Metal: a quando una nuova "rivoluzione?"

Messaggio da johnny-blade » 19 settembre 2019 21:46

Bah..
Solo i black sabbath negli anni 90 fecero 5 dischi..
I Pantera,..

crisc sand
ca diavl già ci sì
Avatar utente
moonfog
Senior Member
Messaggi: 7817
Iscritto il: 17 aprile 2003 13:59
Località: losanna - svizzera

Re: Metal: a quando una nuova "rivoluzione?"

Messaggio da moonfog » 19 settembre 2019 23:09

johnny non ho capito il tuo messaggio...
negli anni novanta i black sabbath, pubblicarono 1 solo disco degno di nota.
i pantera, mi piacevano tantissimo a quei tempi...ma hanno portato idee nuove? linfa nuova? non so...il groove metal non mi sembra abbia avuto tanto seguito. cosi come il funk metal. anche se posso sbagliarmi.
Il metal è sopravvissuto agli anni novanta solo grazie al reparto più intransigente, che si è tenuto lontano (per quanto possibile) dalle chimere del successo e dei facili guadagni. il caso dei Sepultura è esemplare, a questo riguardo.
Avatar utente
johnny-blade
Senior Member
Messaggi: 13354
Iscritto il: 17 aprile 2012 17:44
Località: MI but I ♥ PE

Re: Metal: a quando una nuova "rivoluzione?"

Messaggio da johnny-blade » 19 settembre 2019 23:30

Un solo disco degno di nota?
Sono punti di vista.
Per me minimo due.
Tre con quello dell 89.
Più un quarto più che discreto.
Ma questo è il mio punto di vista.

Se i Pantera hanno portato linfa nuova?
Per me sí, altrimenti trovami un gruppo antecedente che suonava come loro.
I sepultura ci stanno anche se per me chaos ad e il sucessivo erano molto commerciali rispetto ai precedenti (anche se mi piacciono). Roots è quello che ha venduto di più.

crisc sand
ca diavl già ci sì
Avatar utente
rabe
The Vlabe method
Messaggi: 46793
Iscritto il: 22 marzo 2005 14:26
Località: Down under
Contatta:

Re: Metal: a quando una nuova "rivoluzione?"

Messaggio da rabe » 20 settembre 2019 00:16

cdf ha scritto:
19 settembre 2019 18:17
In molti citano i Naked City e i Painkiller (due band di John Zorn) come esempio di commistione tra jazz e metal estremo, ma queste 2 band in realtà non hanno niente metal nel loro sound!
eh, ma qua citi roba che e' roba talmente di nicchia da essere nella nicchia di quelli che ascoltano roba di nicchia



in generale, boh non credo che nascera' qualcosa
e' proprio la scena ad essere cambiata, come anche la gente che ascolta il metal
vedi sti tipi coi baffetti ai concerti che si vantano di ascoltare musica pesa
poi al primo schiaffo scappano
come puo' una scena evolversi (?) se la base e' formata da sta gente?
...ma forse sono io che sto andando fuori tema
Cancer is a manageable, if not curable, disease, similar to other chronic disease. Force T. et al., Nature Cancer Rew. (2007)
"...e adesso andiamo a metterlo nel culo al cancro!"


http://angrylikeawallaby.blogspot.com/


coglionazziiii (cit. by None)
Rispondi