Neil Peart, porca zozza, Neil Peart

Sezione per discussioni generiche INERENTI alla musica: festival, riviste, sondaggi globali, "cosa state ascoltando" ecc ecc...
Avatar utente
Cotlod
qualcosa
Messaggi: 5000
Iscritto il: 22 dicembre 2004 12:49
Località: Roma

Neil Peart, porca zozza, Neil Peart

Messaggio da Cotlod » 11 gennaio 2020 00:36

A tre mesi dalla scomparsa dell'archetipo, Ginger Backer, ci ha appena lasciato The Professor.

Impossibile non essere retorici per questo.
E' morto La Batteria.

:bu:
"C'era una vorta tutto quer che c'era..."
Avatar utente
johnny-blade
Senior Member
Messaggi: 15098
Iscritto il: 17 aprile 2012 17:44

Re: Neil Peart, porca zozza, Neil Peart

Messaggio da johnny-blade » 11 gennaio 2020 00:40

Mi dispiace.
Avatar utente
diego
Il Maestro® ma anche un Signore®
Messaggi: 17007
Iscritto il: 28 novembre 2002 14:37

Re: Neil Peart, porca zozza, Neil Peart

Messaggio da diego » 11 gennaio 2020 00:47

Cazz. :(
Guerra non cerco, pace non sopporto.
Avatar utente
Ennio
Senior Member
Messaggi: 6019
Iscritto il: 8 giugno 2012 17:11

Re: Neil Peart, porca zozza, Neil Peart

Messaggio da Ennio » 11 gennaio 2020 07:46

Sapete della mia venerazione per i Rush.
Sono dispiaciutissimo. Per me è la fine di un'era.
Non è possibile alcun progresso senza deviare dalla norma.
Ma per farlo con successo, occorre avere almeno un minimo di familiarità con ogni norma dalla quale contiamo di allontanarci. (FZ)
Avatar utente
Paul_Diamond
Senior Member
Messaggi: 1476
Iscritto il: 11 settembre 2015 15:51
Località: Milano

Re: Neil Peart, porca zozza, Neil Peart

Messaggio da Paul_Diamond » 11 gennaio 2020 11:26

Appena ho letto la notizia ho pensato "E ora come cazzo lo diciamo ad Ennio..."
Oggi penso proprio che mi riguarderò Beyond The Lighted Stage.
Avatar utente
Baker
Keeper Of The Room V
Messaggi: 30484
Iscritto il: 8 giugno 2003 12:36

Re: Neil Peart, porca zozza, Neil Peart

Messaggio da Baker » 11 gennaio 2020 11:34

appena saputo, è morto già tre giorni fa

uno dei più grandi musicisti e compositori della storia, peccato non essere riuscito a vederlo dal vivo
Avatar utente
Disgustipated
Pregnant
Messaggi: 4509
Iscritto il: 13 maggio 2007 11:28
Località: Firenze

Re: Neil Peart, porca zozza, Neil Peart

Messaggio da Disgustipated » 11 gennaio 2020 11:45

Neanche io sono mai riuscito a vederlo dal vivo.
E, ad essere sincero, ho ancora tanto da studiare e fare mio della discografia dei Rush.
Ma Peart in particolare, è una figura che mi ha sempre affascinato per il vissuto lasciato trasparire e per la passione dedicata.
Personalità rara, esempio notevole.
Avatar utente
AntonioC.
Senior Member
Messaggi: 10337
Iscritto il: 25 giugno 2009 08:46

Re: Neil Peart, porca zozza, Neil Peart

Messaggio da AntonioC. » 11 gennaio 2020 12:36

Notizia scioccante, se ne va un maestro di tecnica e paroliere superlativo.
Qualche giorno fa se ne era riparlato di Neil, perchè un sito sudamericano, con una specie di pesce d'aprile, aveva annunciato Portnoy come nuovo batterista dei Rush.
O' pauer metal n'adda cagnà.
pastagakio
Senior Member
Messaggi: 4678
Iscritto il: 29 novembre 2002 13:10

Re: Neil Peart, porca zozza, Neil Peart

Messaggio da pastagakio » 11 gennaio 2020 12:58

Non sapevo del tumore al cervello.
Spero continuino a suonare ancora e oltre.
Sono spalle al muro.
Andrei ad applaudire fino in Canada

Rispetto infinito
Avatar utente
Cattivo_soggetto
Senior Member
Messaggi: 4738
Iscritto il: 31 dicembre 2008 00:08

Re: Neil Peart, porca zozza, Neil Peart

Messaggio da Cattivo_soggetto » 11 gennaio 2020 13:56

Mi spiace, mi spiace davvero tanto.
Zitti, zitti, il silenzio è d'oro....
"Io comunque spero nel caldo e nell'emozione...di solito di questi tempi c'è una moria di vecchietti causa collasso,vedi mai che.." [size=50]powerd by nonseinormale65[/size]
Avatar utente
diego
Il Maestro® ma anche un Signore®
Messaggi: 17007
Iscritto il: 28 novembre 2002 14:37

Re: Neil Peart, porca zozza, Neil Peart

Messaggio da diego » 11 gennaio 2020 14:03

Ebbi la fortuna di vederli a Milano (al Palamazda, ex Palatrussardi) nel 2004.
Li conoscevo ancora relativamente "poco" ma lo ricordo come un evento straordinario.
Guerra non cerco, pace non sopporto.
Avatar utente
The Healer
Rainbow Warrior
Messaggi: 8375
Iscritto il: 26 marzo 2006 13:10

Re: Neil Peart, porca zozza, Neil Peart

Messaggio da The Healer » 11 gennaio 2020 14:09

L'ho appena letto, bruttissima notizia. Se ne è andato un Artista unico, grandissimo batterista e paroliere in una band che definire seminale è dire niente.
Peccato non averli mai visti dal vivo...
Mi vado a risentire 2112... :(
Avatar utente
johnny-blade
Senior Member
Messaggi: 15098
Iscritto il: 17 aprile 2012 17:44

Re: Neil Peart, porca zozza, Neil Peart

Messaggio da johnny-blade » 11 gennaio 2020 14:27

OT
Spoiler [Mostra]
Quando leggo queste notizie (oramai ci siamo abituati) penso più che al personaggio,al quale si può nutrire un forte sentimento al di là della presunta retorica (non credo alla retorica
dell'intimo), a come questo male oramai quotidiano non risparmi tanta gente,indifferentemente.
Sembra una specie di estrazione del lotto che prende a caso con la sua regolare cadenza temporale.
Per la tanta gente che ci convive va il mio pensiero. Quando vengo a conoscere di una persona che se ne va (qualunque,anche che non conosco,famosa o non)soprattutto giovane,il mio pensiero con le paure e le speranze va alla persona più vicina.
Ogni giorno che passa è un dono della vita,il più bello e il resto non conta nulla,è tutto in secondo piano. E poi aspetti domani in ogni suo secondo,minuto e ora..
È un mondo di merda.
Ci vorrebbe solo e tanto amore,ma dovremmo ricordarlo sempre. Non solo nei momenti tristi o un po' bui che ce lo ricordano.
Scusate lo sfogo.
Aragorn_V
Senior Member
Messaggi: 4291
Iscritto il: 12 settembre 2004 14:47

Re: Neil Peart, porca zozza, Neil Peart

Messaggio da Aragorn_V » 11 gennaio 2020 15:20


Cotlod ha scritto: E' morto La Batteria.

:bu:
Hai detto tutto


Avatar utente
Baker
Keeper Of The Room V
Messaggi: 30484
Iscritto il: 8 giugno 2003 12:36

Re: Neil Peart, porca zozza, Neil Peart

Messaggio da Baker » 11 gennaio 2020 16:19

johnny-blade ha scritto:
11 gennaio 2020 14:27
OT
Spoiler [Mostra]
Quando leggo queste notizie (oramai ci siamo abituati) penso più che al personaggio,al quale si può nutrire un forte sentimento al di là della presunta retorica (non credo alla retorica
dell'intimo), a come questo male oramai quotidiano non risparmi tanta gente,indifferentemente.
Sembra una specie di estrazione del lotto che prende a caso con la sua regolare cadenza temporale.
Per la tanta gente che ci convive va il mio pensiero. Quando vengo a conoscere di una persona che se ne va (qualunque,anche che non conosco,famosa o non)soprattutto giovane,il mio pensiero con le paure e le speranze va alla persona più vicina.
Ogni giorno che passa è un dono della vita,il più bello e il resto non conta nulla,è tutto in secondo piano. E poi aspetti domani in ogni suo secondo,minuto e ora..
È un mondo di merda.
Ci vorrebbe solo e tanto amore,ma dovremmo ricordarlo sempre. Non solo nei momenti tristi o un po' bui che ce lo ricordano.
Scusate lo sfogo.

mio padre lo diceva 30 anni fa
e io lo ripeto tutti i giorni
Avatar utente
DarkCandleMass
Senior Member
Messaggi: 291
Iscritto il: 5 febbraio 2019 16:28

Re: Neil Peart, porca zozza, Neil Peart

Messaggio da DarkCandleMass » 11 gennaio 2020 20:16

RIP. :(
Avatar utente
Sairus
Penso, dunque Suono
Messaggi: 14479
Iscritto il: 28 novembre 2002 15:31
Località: Roma
Contatta:

Re: Neil Peart, porca zozza, Neil Peart

Messaggio da Sairus » 13 gennaio 2020 10:56

Probabilmente gli devo il genere di batterismo che prediligo, per tutto quello che è scaturito dalle sue scintille iniziali. Quindi, probabilmente, gli devo il fatto di suonare la batteria. Tutti i miei idoli sono suoi "discepoli". Che posso dire... chi dice che Neil è morto non capisce un cazzo, Neil non morirà mai.
"Art for art's sake"
(W.Pater)
12 Gennaio 2013, i Maya non ci hanno capito un cazzo. [cit. Erotico]
...perchè la musica è agonismo!!! [cit. Franzi]
LA SFERA
Avatar utente
Ank
Don't Try
Messaggi: 17313
Iscritto il: 11 febbraio 2009 12:46
Località: Milano....italyyyyy!!!!!!
Contatta:

Re: Neil Peart, porca zozza, Neil Peart

Messaggio da Ank » 13 gennaio 2020 11:52

R.I.P.
"Chi beve un bicchiere.
Chi uno ogni tanto...chi tutte le sere!" R. Gaetano


Sacra Alleanza della Costina ● Mantecatore e massaggiatore :cornine:
...saluti dal bar!

♫ ♪ NOWHERE!
Avatar utente
Disgustipated
Pregnant
Messaggi: 4509
Iscritto il: 13 maggio 2007 11:28
Località: Firenze

Re: Neil Peart, porca zozza, Neil Peart

Messaggio da Disgustipated » 13 gennaio 2020 13:41

Sairus ha scritto:
13 gennaio 2020 10:56
Che posso dire... chi dice che Neil è morto non capisce un cazzo, Neil non morirà mai.
Davvero. Stile, creatività, sensibilità, atteggiamento e propensione costante alla crescita e all'esplorazione del nuovo e dello sconosciuto.
Qualità rare singolarmente, figuriamoci assieme in una persona sola.
The professore mica per niente.
Avatar utente
AntonioC.
Senior Member
Messaggi: 10337
Iscritto il: 25 giugno 2009 08:46

Re: Neil Peart, porca zozza, Neil Peart

Messaggio da AntonioC. » 13 gennaio 2020 13:58

Tra l'altro persona altamente sfortunata, in quanto perse una figlia in un incidente stradale e la moglie per cancro.
O' pauer metal n'adda cagnà.
Avatar utente
Re PANIC
Lo RE
Messaggi: 15773
Iscritto il: 28 novembre 2002 13:43
Contatta:

Re: Neil Peart, porca zozza, Neil Peart

Messaggio da Re PANIC » 14 gennaio 2020 10:55

poco da aggiungere, ci lascia un patrimonio musicale e letterale immenso.

Sono grato di essermelo goudto dal vivo e la prima volta è uno dei miei 3 concerti del cuore
La playlist del forum su spotify, sempre aggiornata, seguitela!!!!

https://play.spotify.com/user/116725052 ... d2PWvB3dCo
Avatar utente
johnny-blade
Senior Member
Messaggi: 15098
Iscritto il: 17 aprile 2012 17:44

Re: Neil Peart, porca zozza, Neil Peart

Messaggio da johnny-blade » 14 gennaio 2020 11:49

Anche io andai al concerto.
Almeno li ho tributati.
Avatar utente
Coren
Senior Member
Messaggi: 2999
Iscritto il: 17 dicembre 2002 20:04
Contatta:

Re: Neil Peart, porca zozza, Neil Peart

Messaggio da Coren » 14 gennaio 2020 12:29

Gruppo che ho sempre trovato un po' freddo, ma che ho sempre ammirato molto.
Mi spiace non averli mai visti dal vivo.
RIP
"I Sartan, essi sono la causa di ogni male"
"Forse, o forse il male è dentro di noi..."
Avatar utente
johnny-blade
Senior Member
Messaggi: 15098
Iscritto il: 17 aprile 2012 17:44

Re: Neil Peart, porca zozza, Neil Peart

Messaggio da johnny-blade » 14 gennaio 2020 12:54

Coren ha scritto:
14 gennaio 2020 12:29
Gruppo che ho sempre trovato un po' freddo, ma che ho sempre ammirato molto.
Mi spiace non averli mai visti dal vivo.
RIP
Pari pari.
ProgParty
Senior Member
Messaggi: 2952
Iscritto il: 5 dicembre 2004 19:01

Re: Neil Peart, porca zozza, Neil Peart

Messaggio da ProgParty » 14 gennaio 2020 13:37

Una figura gigantesca della batteria rock e un intelletto fuori dal comune.
RIP Neil

P.S.
Chi dice che i Rush sono freddi suppongo hanno ascoltato solo i pezzi da funambolismi tecnici (che poi anche in quel tour de force di La Villa Strangiato l'assolo di Lifeson fa rizzare tutto quello che è rizzabile...peli compresi)
"Sei indietro come le balle dei cani..." by Erotic.Nightmares
ProgParty
Senior Member
Messaggi: 2952
Iscritto il: 5 dicembre 2004 19:01

Re: Neil Peart, porca zozza, Neil Peart

Messaggio da ProgParty » 14 gennaio 2020 13:49

Ho scritto di merda ma vabè, si capisce :D
"Sei indietro come le balle dei cani..." by Erotic.Nightmares
Avatar utente
Coren
Senior Member
Messaggi: 2999
Iscritto il: 17 dicembre 2002 20:04
Contatta:

Re: Neil Peart, porca zozza, Neil Peart

Messaggio da Coren » 14 gennaio 2020 15:15

YYZ o La Vila Strangiato non li trovo per niente freddi, non volevo pero' scatenare una discussione su questo aspetto.
Colpa mia, ma chiudiamola qui, ora si deve solo tributare il grande Neal.
"I Sartan, essi sono la causa di ogni male"
"Forse, o forse il male è dentro di noi..."
Avatar utente
Ennio
Senior Member
Messaggi: 6019
Iscritto il: 8 giugno 2012 17:11

Re: Neil Peart, porca zozza, Neil Peart

Messaggio da Ennio » 14 gennaio 2020 16:58

Coren ha scritto:
14 gennaio 2020 15:15
ora si deve solo tributare il grande Neal.
Giusto Coren, bravissimo.
Non è possibile alcun progresso senza deviare dalla norma.
Ma per farlo con successo, occorre avere almeno un minimo di familiarità con ogni norma dalla quale contiamo di allontanarci. (FZ)
Avatar utente
AntonioC.
Senior Member
Messaggi: 10337
Iscritto il: 25 giugno 2009 08:46

Re: Neil Peart, porca zozza, Neil Peart

Messaggio da AntonioC. » 22 gennaio 2020 13:54

Vi segnalo questa recensione di Hold your fire di AORArchivia,dove viene trattato anche il tema della presunta freddezza dei Rush

Questa band non si può certamente iscrivere di diritto nel registro di quelle che hanno fatto la storia del melodic rock. Eppure, se andiamo a leggere letteralmente quell’ormai mitico acronimo, Adult Oriented Rock, ebbene, quale band potrebbe tradurlo meglio nella realtà? Quale band può meglio rappresentare un genere di musica rock particolarmente fragorosa ma il cui target non sono gli adolescenti? Sarà un po’ tirata per i capelli, ma certo i Rush sono quanto di più adulto l’hard rock abbia mai generato. L’aggettivo non va ovviamente preso nel suo senso più comune e scontato. I Rush sono una band cerebrale anche se nient’affatto complessa, che non offre un coinvolgimento emotivo brutale e diretto. Le evoluzioni della loro musica hanno la freddezza raffinata di certa fusion, ma non scadono mai nel tecnicismo fine a se stesso, nel “sentite quanto siamo bravi”, in quel vuoto privo di senso fatto di scale ripetute e variate all’infinito che mandano in visibilio (Dio solo sa perché) tutti i fans dei Dream Theater. Questa band scrive canzoni, ed alla forma base della canzone sta sempre rigorosamente appiccicata. E le loro canzoni, sublime paradosso, potrebbero anche essere fischiettate sotto la doccia, anche se credo che mai a qualcuno sia passato anche solo lontanamente per la testa di farlo. Insomma: sono bravissimi, si possono ammirare, ma difficilmente si amano, i Rush. Nel loro universo musicale fatto di ghiaccio e cristallo, di lame affilate e gelidi bagliori e orizzonti sconfinati, manca il calore, l’emozione violenta, l’impatto propriamente fisico che siamo abituati ad associare all’hard rock... ed è proprio in questo, probabilmente, che risiede il fascino ammaliante della band, in quel noli me tangere, in quella distanza, nella purezza immacolata di un sound che riesce a coniugare potenza, melodia e lirismo ad un fondamentale distacco. Un equilibrio difficile, che la band ha più volte perduto e riacquistato, e che in ‘Hold your fire’ trova probabilmente la sua realizzazione più straordinaria ed impeccabile. Quest’album viene spesso descritto come il top del periodo più techno-rock della band, mentre i dischi successivi sarebbero decisamente più hard oriented, più vicini alla classica dimensione del rock duro. Francamente, non so proprio su cosa si basi questa teoria. Chi ha orecchie per sentire, si renderà conto facilmente che nulla è cambiato nel suono e nell’atteggiamento dei Rush, che piuttosto hanno alternato ottimi lavori ad altri veramente brutti e privi di ispirazione ( come ‘Roll the bones’). ‘Hold your fire’ è un gioiello di rock duro e melodico dalle molte sfaccettature, ma tutte illuminate dalla stessa luce tersa, trasparente, la luce delle grandi altezze che risplende sotto un cielo immenso e dai colori carichi e freddi. E nel variare dei temi, nel mutare degli approcci, permane quell’atmosfera rarefatta che riveste di brina anche le canzoni in apparenza più calde, come “Time stand still”, dal bellissimo testo. Quello dei testi è un capitolo particolare su cui vale la pena di spendere qualche parola. Li scrive da sempre solo e soltanto il batterista, Neil Peart, che però - purtroppo - non è Jim Morrison (oggi unanimemente riconosciuto dalla critica letteraria come uno dei più grandi poeti americani degli anni ’60), ma - questa è la mia impressione - a volte crede di essere lui, sfornando testi intricatissimi, che possono essere cerebrali o all’insegna di una filosofia spicciola camuffata da poesia, e troppo spesso costituiscono una pesantissima zavorra per le canzoni. Bisogna però ammettere che quando il buon Neil riesce ad azzeccare il testo giusto, il risultato complessivo è da antologia.

Questa musica, dunque, non avvince, non fa battere il piede né induce all’headbanging, piuttosto ammalia, seduce carezzando con dita pallide e fredde, o graffiando con artigli di ghiaccio, come in quella straordinaria scheggia di gelido hard rock che è “Turn the page”. “Mission” , “Lock and key”, “Second nature” sembrano più dirette, camuffando sotto facili refrain architetture di raffinata complessità, “Thai Shan” si sviluppa su toni quasi etnici. “Open secret” potrebbe essere il parto di una versione dei Foreigner depurata di ogni zuccheroso sentimentalismo, mentre “Force ten” e la conclusiva “High water” hanno quella solennità arcana, sinuosa ed elegante che non troverete mai nei dischi delle pomp bands. Geddy Lee - che si disimpegna con uguale bravura nei ruoli di cantante, bassista e tastierista - è una specie di Jon Anderson meno celestiale ed aulico: tagliente, pulito ma non asettico, espressivo secondo un suo stile personale, dove i toni non vengono mai forzati eppure le emozioni prendono a volte toni accorati; Alex Lifeson è uno di quei chitarristi che sanno mettersi al completo servizio delle canzoni pur possedendo una tecnica assolutamente mostruosa, e che nei suoi momenti solisti fa apparire tipi come Malmsteen niente più che poveri saltimbanchi.

Questa band si potrebbe descrivere efficacemente usando uno slogan pubblicitario di qualche anno fa: per molti, ma non per tutti. Non per snobismo, per carità. E’ che seguendo i Rush, vi troverete a percorrere strade che solitamente l’hard rock non incrocia, a seguire rotte che nel nostro genere sono poco comuni. Io non sono tra quelli che sostengono che nella vita bisogna provare tutto, ma una chance ai Rush consiglio di darla. La loro musica è uno sguardo su una dimensione fascinosa e sconfinata. L’unico pericolo, è il rischio di rimanervi intrappolati...
O' pauer metal n'adda cagnà.
Avatar utente
johnny-blade
Senior Member
Messaggi: 15098
Iscritto il: 17 aprile 2012 17:44

Re: Neil Peart, porca zozza, Neil Peart

Messaggio da johnny-blade » 22 gennaio 2020 14:04

io li ho visti dal vivo e...
Bisogna esserne innamorati per capire.
Aragorn_V
Senior Member
Messaggi: 4291
Iscritto il: 12 settembre 2004 14:47

Re: Neil Peart, porca zozza, Neil Peart

Messaggio da Aragorn_V » 22 gennaio 2020 14:05

Hold your fire fu il mio primo incontro con i rush. Brividi ancora oggi, lo adoro
Avatar utente
The Healer
Rainbow Warrior
Messaggi: 8375
Iscritto il: 26 marzo 2006 13:10

Re: Neil Peart, porca zozza, Neil Peart

Messaggio da The Healer » 22 gennaio 2020 14:09

Il prossimo che dice che, per dire, una "Mission" è fredda gli stampo una mazza da baseball sul grugno :o

phpBB [video]
Avatar utente
Sairus
Penso, dunque Suono
Messaggi: 14479
Iscritto il: 28 novembre 2002 15:31
Località: Roma
Contatta:

Re: Neil Peart, porca zozza, Neil Peart

Messaggio da Sairus » 22 gennaio 2020 14:09

AntonioC. ha scritto:
22 gennaio 2020 13:54
Vi segnalo questa recensione di Hold your fire di AORArchivia,dove viene trattato anche il tema della presunta freddezza dei Rush
Tutto sto papiro (che mi sono anche letto) per ribadire un ovvioetà che si poteva riassumere in 2 righe? però... niente male... :...:
"Art for art's sake"
(W.Pater)
12 Gennaio 2013, i Maya non ci hanno capito un cazzo. [cit. Erotico]
...perchè la musica è agonismo!!! [cit. Franzi]
LA SFERA
Avatar utente
AntonioC.
Senior Member
Messaggi: 10337
Iscritto il: 25 giugno 2009 08:46

Re: Neil Peart, porca zozza, Neil Peart

Messaggio da AntonioC. » 22 gennaio 2020 14:29

Adoro la fase AOR dei Rush. Power Windows monumento.
O' pauer metal n'adda cagnà.
Avatar utente
guysperanza
Adult Oriented Rock
Messaggi: 24177
Iscritto il: 7 settembre 2006 00:59
Contatta:

Re: Neil Peart, porca zozza, Neil Peart

Messaggio da guysperanza » 22 gennaio 2020 19:00

Davvero una grave perdita, per me che non ci capisco un cazzo miglior batterista di sempre (però lo dicono anche quelli che ci capiscono, era il "your favorite drummer's favorite drummer"). E non parliamo del Peart autore di testi (paroliere è un termine che mi fa schifo)! Musicista totale. R. I. P.

Inviato dal mio Redmi Note 7 utilizzando Tapatalk

"Figliolo, tu mi costi quanto inculare un unicorno"
(Maicol&Mirco)

A volte ci si sente delle rockstar (cit.)
Avatar utente
Ennio
Senior Member
Messaggi: 6019
Iscritto il: 8 giugno 2012 17:11

Re: Neil Peart, porca zozza, Neil Peart

Messaggio da Ennio » 25 febbraio 2020 19:35

https://www.metal.it/note.aspx/71514/ne ... -dei-rush/

mmmm speriamo bene.
Mi spiacerebbe assistere a un evento organizzato male o inadeguato.
Non è possibile alcun progresso senza deviare dalla norma.
Ma per farlo con successo, occorre avere almeno un minimo di familiarità con ogni norma dalla quale contiamo di allontanarci. (FZ)
Aragorn_V
Senior Member
Messaggi: 4291
Iscritto il: 12 settembre 2004 14:47

Re: Neil Peart, porca zozza, Neil Peart

Messaggio da Aragorn_V » 25 febbraio 2020 20:40

The Healer ha scritto:Il prossimo che dice che, per dire, una "Mission" è fredda gli stampo una mazza da baseball sul grugno :o

phpBB [video]
Ve lo dico o no che, tra i tanti capolavori dei rush, questo è il mio album del cuore? Il mio primo approccio ai rush, bellissimo e indimenticabile

Inviato dal mio SM-J530F utilizzando Tapatalk

Avatar utente
johnny-blade
Senior Member
Messaggi: 15098
Iscritto il: 17 aprile 2012 17:44

Re: Neil Peart, porca zozza, Neil Peart

Messaggio da johnny-blade » 25 febbraio 2020 21:25

Qualche giorno fa lessi che i Primus fanno tutto un disco dei Rush dal vivo.
A me le cose annunciate tolgono la sorpresa..
Avatar utente
Baker
Keeper Of The Room V
Messaggi: 30484
Iscritto il: 8 giugno 2003 12:36

Re: Neil Peart, porca zozza, Neil Peart

Messaggio da Baker » 28 febbraio 2020 10:41

Non hanno mai avuto una fase AOR. Quello è high-tech rock.
Avatar utente
AntonioC.
Senior Member
Messaggi: 10337
Iscritto il: 25 giugno 2009 08:46

Re: Neil Peart, porca zozza, Neil Peart

Messaggio da AntonioC. » 28 febbraio 2020 10:45

Avete ascoltato la versione di Time Stand Still della banda dell'esercito USA?

phpBB [video]
O' pauer metal n'adda cagnà.
Rispondi